30 agosto 2012

The Dark Knight Rises

Lo dico chiaro, tondo e un pò in volgare: e STI-GRAN-CAZZI! Maaaaaaaaamma mia, che film, signori e signore. Dopo mesi di attesa, sofferta attesa (grazie Italia, per essere sempre ultima in tutto), finalmente mi sono buttato nel cinema a vedere il film che aspettavo più di tutti. Prenotati i posti migliori già da una settimana, io e Miss Hyde siamo arrivati in sala carichi di aspettative e ne siamo usciti che esse erano totalmente stravolte e superate. Ovviamente, poichè il film è da oggi in sala, non scriverò nessun spoiler, sia chiaro.

Batman.


Il film probabilmente farà storcere un pò il naso ai puristi del pipistrello, ma d'altronde in ogni film di supereroi si possono riscontrare varie incongruenze. Forse in questo episodio ce n'è qualcuna che può anche essere leggermente eclatante, ma, fidatevi, tutto sarà ben compensato dalle oltre due ore e mezza di video. Così come sono sicuro che molti si aspettano una genialata come fu Il Cavaliere Oscuro e che quindi saranno pronti a denigrare quest'ultimo capitolo della saga eccellentemente messa sullo schermo dal magistrale Christopher Nolan. Non mi interessa. Perchè l'episodio conclusivo del Cavaliere Oscuro è un film dalle emozioni fortissime, dalla tensione palpabile, dal ritmo concitato che non lascia un attimo di respiro. E quando, durante la proiezione, il film viene interrotto per la pausa di cinque minuti, partono dei bestemmioni da tutte le almeno 150 persone presenti in sala. Ed è come se ti avessero infilato un dito su per il deretano, un fastidio difficile da sopportare. 
Catwoman.

In sostanza la trama è ben congegnata, i personaggi calatissimi nel loro ruolo. A tal proposito devo ricredermi su alcuni di essi. A partire dal cattivissimo Bane. Inizialmente avrei preferito che il ruolo fosse affidato ad un attore ben più grosso di Tom Hardy, ma soprattutto, come me molti altri, mi aspettavo un cattivo più carismatico. Eppure il mago Nolan è riuscito a dare carisma e dialettica ad un personaggio come Bane, rendendolo quasi il personaggio principale del film. Riguardo Catwoman, poi, non me la vedevo affatto bene Anne Hathaway nella parte. Invece si è calata nel personaggio in maniera egregia, forse non il massimo della sensualità propria della Gatta, ma comunque una grande interpretazione. Inutile spendere parole su Michael Caine e Morgan Freeman, due mostri sacri. Qualche dubbio rimane sul gran protagonista, Christian Bale, aka Bruce Wayne-Batman. Forse poco espressivo e non pieno di tratti caratteristici, ma alla fine, la particolarità di Bruce Wayne sta proprio nel fatto che è un comune uomo, dal comune aspetto e dal comune carattere da milionario. Dopo tre film nella parte, ormai dietro la maschera di Batman puoi immaginare solo lui, insomma. Purtroppo mi risulta difficile non parlare di altro, considerando che non voglio rivelare niente.
Bane.

La spettacolarità non manca, con la magnificenza del modernissimo Batwing e il Batpod. Peccato per la mancanza della Batmobile o Tumbler, nei film di Nolan si chiama così. La tecnologia IMAX si vede, e si gode, ve lo posso garantire. Sarebbe stato bello vederlo direttamente in un cinema IMAX, ma pazienza. La particolarità delle riprese unita a questa tecnologia avanzata rende al meglio il lavoro.
Ancora una volta Nolan ha optato per una versione un pò più giornaliera di Batman e anche molto più matura da quella bambinesca di Tim Burton. Altri tempi, ma meglio così per quanto mi riguarda. L'unico rammarico è che vedrete ben poco svolazzare Batman tra i palazzi con rampino e mantello, anzi, quasi per niente.

Il Batwing.
Insomma il capitolo conclusivo del magnifico lavoro di Nolan chiude alla grandissima la saga. Un film fortemente psicologico, emotivo, violento al punto giusto, strategico e tecnologico e... supereroico, come solo Batman sa essere.

Io poi ci spero sempre. Cosa? Intimamente so che questa è la fine del Batman di Nolan, ma mi piace sperare che ne faccia ancora un altro... magari con un Enigmista o un Mr. Freeze... Ma chissà, io continuo a sperare e a illudermi.

Dr. Jekyll

--------------------------------------------------------------------------------------------



Epico.
Roba da tenerti con gli occhi fissi sullo schermo senza sbattere nemmeno le ciglia.
Roba che se non ci fossero stati i 5 minuti di pausa in mezzo al film nemmeno mi sarei resa conto della vescica piena.
Roba che non ricordo quando ho iniziato e finito di mangiare le patatine e di bere la Pepsi che avevo preso al bar.
Epico.

Dopo qualcosa come "Il cavaliere oscuro" è difficile immaginarsi un film migliore, soprattutto se è a chiusura di una trilogia. Difficile immaginarlo per noi, non per Nolan a quanto pare.
Alfred
Una pellicola piena, piena zeppa di azione, e dove non c'è azione c'è quel pizzico di dramma giusto per la fine di una saga, per la fine del Cavaliere Oscuro, senza noia, soltanto lucciconi e respiri trattenuti per tutta la sala.
E quindi stai li, schiacciata sulla poltrona a vivere il terrore e la rinascita di Batman e di tutta Gotham sapendo, dopotutto, che è la fine, ma che non ci vuoi credere. 
E stai lì. Il cuore a mille. 
E stai lì. Non nascondo di aver pianto, e per poco non lanciavo il pacco di fazzoletti al tizio due poltrone più in là che singhiozzava da ormai cinque minuti abbondanti.

Ma come al solito Nolan lascia sempre interrogativi quando deve chiudere i suoi film. Lascia quel senso di una storia che è stata ripresa solo in parte, che è iniziata prima e che continuerà dopo, una storia viva, una storia vera. Lascia quel senso che forse un pensierino a riprenderne un altro pezzo ce lo fa. 
Miranda Tate
Oppure no, lasciando la fantasia galoppare su infiniti sviluppi e vicende... lasciandoci intanto tutti fermi in sala a guardarci i titoli di coda sperando invano... E quindi boh, chissà...

Ovviamente i suoi nei ce li ha, ma guardiamoci addosso, chi non ne ha? Ad esempio? Un Batman troppo legato ai mezzi Wayne, o un Bane che alla fine ti lascia l'amaro in bocca e sa di legno e pezza e corda...e non posso dire di più... 
E altri nei glieli ha messi addosso la Sefit, col doppiaggio... ma non starò a lamentarmi ancora di Santamaria... però, porca miseria, sarai pure un attore no? Non sai farlo se al posto di una telecamera ci sta un microfono??? I misteri della vita...

Adesso basta così, devo finire sta piadina che ho per cena, anche se credo di aver lo stomaco quasi pieno, il pacco di patatine era vuoto forse perché l'ho mangiato...E poi ho da fantasticare sul finale...

Ah, ultima cosa: ho mandato a quel paese Bruce Wayne, nella sua ultima scena, per le mie lacrime. Chi sa capirà.

                -Miss Hyde-



9 commenti:

CervelloBacato ha detto...

Madonna non vedo l'ora di vederlo! Ste due recensioni m'han fatto salire la tensione

Dr. Jekyll ha detto...

Io credo che domani lo vado a rivedere al cinema O.O

Miss Hyde ha detto...

Vacci! Subito! Ora! Non te ne pentirai!:D Lo rivedrei ancora ed ancora :O

CervelloBacato ha detto...

Eccomi! Insomma alla fine l'ho visto anch'io :) Mi è piaciuto, bel film, però... Avevo aspettative troppo troppo alte, che sono state deluse. Se devo fare una classifica fra tutti e tre metterei 2,1,3, quindi questo in ultima posizione. Il secondo lo reputo superiore per svolte narrative e colpi di scena (e per il villain), il primo invece l'ho amato perchè racconta le origini dell'eroe, cosa che io adoro in generale. Parlando di questo film comunque non mi è molto piaciuto Bane, doppiato male e troppo saccente, e uscito di scena in maniera un po' ''banale''. Diciamo che il suo lato violento però l'ho adorato. La prima scazzottata con Batman è stata brutale, fortissima. Sono stati 5 minuti di pura tensione. Mi è piaciuta Catwoman, il Bruce tormentato che aveva le visioni in prigione. L'azione non è stata il massimo, a parte il finale. Ho trovato un po' scontate alcune trovate, come questi che sbagliano camion col reattore (a quel punto ho pensato che avessero proprio messo la bomba da un altra parte e i camion non centrassero nulla) per poi beccare quello giusto in un nano secondo, oppure Gordon che perde il telecomando un attimo prima di entrare... Vabè. Il finale poi: convinto che Batman/Bruce si fosse sacrificato. E invece? Aveva messo il pilota automatico!?! E ha fatto tutta quella scenata consapevole che sarebbe sopravvissuto? Naaa... Però vabè, alla fine Batman muore ma Bruce no. Ci può anche stare. L'ultimo tizio, il poliziotto che ha perso la ''fede''. Cambia identità e se ne va. E' un possibile Robin (compagnuccio di Batman) o un nuovo futuro Batman!? Mmmah!
Comunque in complesso bel film, e degno finale di questa trilogia. Resta il fatto che i primi due, secondo in particolare, sono superiori.

Dr. Jekyll ha detto...

Sicuramente il secondo è magistrale, ma so sono fatte critiche su critiche su quest'ultimo. Ovvio qualche banalità ci sta, ma andarlo a vedere a cuore e mente leggera, come il film che chiude la storia è ciò che dovrebbe essere fatto. Principalmente è un film emotivo, empatizzi così tanto con il personaggio che è Bruce che alla fine del film non contieni più le emozioni che ti escono in ogni forma. Spero che non prosegua la storia mettendoci Robin con Batman, anzi facesse solo qualcosa su Robin, ma niente miscugli col Cavaliere Oscuro... Robin non mi piace :P

Miss Hyde ha detto...

Sorvoliamo la questione doppiaggio: a parte quel maledetto Santamaria, il doppiatore di Bane è un altro attore di teatro/tv alla sua seconda esperienza di doppiaggio. Oddio. Ommamma. Ma ormai è inutile farsi domande.

Il problema che secondo me ha creato scontenti in molti è appunto l'aspettativa. Perché ci si aspetta un 3 migliore di un 2, perché ci si aspetta un Batman attenente al fumetto, perché si vuol sempre mettersi a fare i registi di tutto (basta sentire i discorsi su come doveva essere ripresa una scena di un film, di come bisognava farlo finire... fino ad arrivare a che giocatori doveva mettere in campo tal allenatore per quella tal partita, in tutti i campi si mette bocca sul lavoro deglialtri).

Personalmente il film me lo son goduto così come Nolan ha voluto farlo arrivare al suo pubblico, e anche con lo zampino del doppiaggio italiano (in questo caso dico: purtroppo). Senza starmi a fare domande sul perché è così e non colà o su "ma questo non è realistico" e roba simile. E' un film, diamine.

Il finale...beh...ha fatto morire quella figura che tanto gli stava pesando, ma senza per questo rinunciare alla sua vita. E quel Robin... il finale aperto è tipico di Nolan, ma dubito che voglia farne altri... anche perché, la storia dell'aspettativa è un circolo che aumenta strada facendo... e poi mi sembrava di aver letto da qualche parte che voleva rendere la figura di Batman una figura assolutamente solitaria, senza aiutanti di sorta. Quindi interpreto quel "passaggio d'eredità" semplicemente come un..."Gotham ha bisogno di qualcuno che vegli sui suoi cittadini e quindi io me ne vado ma lascio questo impegno a qualcuno che si interessa"... una cosa così, insomma

Comunque ci è stata regalata una trilogia fantastica, come non si è mai vista, che nel suo insieme forse è uno dei migliori prodotti di questi anni. Diciamolo!:D

CervelloBacato ha detto...

Certo certo, è una trilogia eccellente :) Ora non ci resta che attendere Man of Steel, che secondo me....... Non dico niente va :)

Sailor Fede ha detto...

Considero "Il cavaliere oscuro" un capolavoro e quindi sono andata al cinema a vedere "Il cavaliere oscuro - Il ritorno" con l'aspettativa che non avrebbe mai raggiunto il secondo capitolo della saga. Così è stato e forse per questo motivo l'ho apprezzato come giustamente andava apprezzato, con i suoi pregi e i suoi difetti. E per fortuna nel mio cinema non c'è stata la pausa: due ore e quaranta di puro spettacolo!

Miss Hyde ha detto...

Benvenuta!;D
Forse era proprio quello lo spirito giusto per apprezzarlo al meglio... Infatti noi siamo stati colpiti talmente tanto da essere tornati al cinema a vederlo! :D

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...