7 settembre 2012

The Dark Knight Rises Pt.2 - CON SPOILER!

Vi chiederete come mai stia di nuovo parlando dell'ultimo film di Nolan. Ebbene, il punto è che c'è molto da parlare di questo film. Non voglio muovere esasperanti critiche, siano esse positive o negative, come tanta gente ha fatto. Infatti ne ho sentite di tutti i colori, critiche negative soprattutto.

L'impressione che ho avuto, leggendo, sentendo, guardando ogni tipo di discussione sulla pellicola, è che questo film, soprattutto per chi lo aspettava (e molti lo aspettavano già morbosamente predisposti a denigrarlo, e dirne di tutti i colori), sia stato messo al pari di un evento mondiale, un... qualcosa di dovuto all'umanità (in questo caso, di appassionati o interessati). Davvero eccessivo. Si tratta di un film. Un film! Un'intrattenimento. Un piacere. Sia esso una cazzata stile commedie americane o, ancora ad un livello più basso, le commedie (???) italiane natalizie e pasquali, sia esso un colossal. Il cinema è arte, l'arte intrattiene e produce appagamento per i sensi (quando non è destinata alla speculazione). Il problema è che una componente di speculazione, oggi, è presente in ogni progetto cinematografico. Ma è normale, non credete? Fintanto che non intacchi l'opera d'arte, compromettendola, può andare bene. Ce ne sono di film del genere, assolutamente, così come ci sono film underground (passatemi il termine, non sono un esperto e perdonatemi per questo) no profit. Ma, può capitare che durante il film, un dettaglio può far storcere il naso perchè palesa la presenza dell'occasione di guadagno. Minchia, dovrà pur campare il regista, attore, produttore ecc ecc!

Con questo non voglio giustificare ciò che può trasparire durante la visione dell'ultimo Batman-Nolan. Vorrei soltanto che la vita, in questo caso anche cinematografica, fosse presa un pò più con leggerezza, con serenità. Vai al cinema, in questo caso solitamente sei consapevole del film che stai andando a guardare, per tuo piacere, per passare del tempo. Se vai al cinema per guardare un film per criticarlo da sotto a sopra, sono problemi tuoi, personalmente mi viene di darti dell'idiota visto che vai a pagare la visione di un film che vai a vedere giusto per buttargli cacca da tutte le parti e farlo sapere in giro via blog e social network. Perchè è di moda è fa figo... Mah!

Ora, io non sto facendo lo stesso. Come tante volte ho scritto in altri post, scrivo su questo blog con spensieratezza, dicendo i miei pensieri in modo genuino, con sincerità, anche come modo per ordinare i miei pensieri, come se fosse un mio diario introspettivo, ma aperto a tutti coloro che vogliono condividere, in maniera educata opinioni e pensieri, ma l'ultima cosa che voglio è esaltare la mia personalità con le critiche o non critiche che posso muovere verso checchessia. Lungi da questa concezione di scrivere su internet, per favore.

Ieri, sono andato a vedere The Dark Knight Rises per la seconda volta a cinema. E sapete una cosa? Ho trovato un bel pò di cazzate sparse per il film, ma mi è piaciuto ancora di più della prima volta che l'ho visto, dannazione. Tralasciamo il pessimo (riconfermo) doppiaggio italiano, in cui ci sono picchi di audio che improvvisamente calano in un suono più chiuso, con parole biascicate dai vari doppiatori o recitate senz'anima e senza interpretazione. Per non parlare del cambio di attore per Fox-Morgan: dopo due episodi mi cambiate doppiatore? Ma voi state male! Aspettando l'uscita del dvd per poterlo vedere in lingua madre.

E' un film potente. Fisico e ricco di messaggi. L'interpretazione si sa, è soggettiva ed è spesso la chiave che dà senso, vita e organicità a qualsiasi opera, libri, film, quadri e via. Quindi, ribadisco, sono mie impressioni e se sbaglierò, chi vorrà condannarmi potrà farlo con buon senso, senza rabbia, altrimenti si prende un bel 'fanculo e ban dal blog. Se non rispetti io non rispetto. Scusate il cinismo, ma l'esperienza segna. ;)

Si parte subito con l'azione (ad alta quota) e la fisicità. Bane appare in tutta la sua massiccia figura e la sua forza, resistenza e agilità. La scena ad alta quota è spettacolare, un pò richiama al viaggetto che Batman si fa ad Hong Kong ne Il Cavaliere Oscuro. Però ci sta ed è reso benissimo.

Quindi facciamo la conoscenza di Selina Kyle, aka Catwoman. Sensuale e rapida (anche se un'attrice un pò più carina la potevano scegliere...) mette in mostra quanto Bruce Wayne sia in difficoltà per i suoi problemi fisici.

Dopo ecco l'agente Blake, interessato alla vicenda di Batman e chiede a Gordon: "Non vuole sapere chi fosse?", il commissario risponde: "So benissimo chi fosse. Era Batman.". La frase è importante perchè richiama il finale del film e chi è veramente Batman.

Passiamo ad Alfred, che trova Bruce nella caverna e gli racconta dei suoi sogni per lui, vederlo sposato, con pargoli... Una vita normale. Alfred è segnato dalla morte dei suoi genitori, e la sua sofferenza per loro e la paura di perdere anche Bruce esplode in tutta la sua umanità. Un applauso a Michale Caine, grandissimo davvero.

Dopo una breve vicenda riguardo le fognature di Gotham e la vicenda dell'orfanotrofio che non riceve più i finanziamenti della Wayne Enterprise, troviamo di nuovo la Gatta Ladra, con la sua astuzia e la sua agilità a districarsi da una spiacevole vicenda che vede immischiato Daggett, un socio della Wayne Enterprise. Daggett assume il ruolo del potente che più ne ha e più ne vuole, vuole il potere massimo, il controllo su tutto. E' la figura del perfetto capitalista. Selina vuole un fantomatico "smacchiatore". Perchè vuole ricostruirsi una vita. Ricominciare daccapo, un altro messaggio del film. Poco dopo Gordon fa la conoscenza di Bane, ma fugge.

Passando alla scena del ballo organizzato da Miranda Tate, personaggio che ammira i contributi di Bruce per il bene del mondo, Selina introduce un'altro argomento, mentre balla con il miliardario, riguardo alla potenza e all'ascesa dei potenti, dei vertici dell'impero capitalista che si è formato. Saranno destinati a cadere.

Intanto acquista sempre più importanza la questione del reattore nucleare, che sarà in fin dei conti il motore della diegesi.

Riguardo la scena alla Borsa, è un chiaro segno di come Bane miri ad attaccare le basi del capitalismo. E' un simbolo, un'allegoria. Ma la pericolosità della situazione fa sì che finalmente Batman torni in azione. E possiamo anche ammirare la potenza del Batwing.

Quando Bane si trova testa a testa con Daggett, questo crede di aver comprato lo stesso colosso con un mucchio di soldi. Ma Bane gli dice: "E questo ti dà potere su di me?". E' un momento fantastico. E' il male necessario. Ma è pur sempre un male, e Batman dovrà affrontarlo e sconfiggerlo. Violento, violentissimo il primo scontro diretto con Bane, nelle fogne. Bane è superiore in tutto, forza, agilità e parole. Come ho detto nell'altro post, Nolan gli ha conferito quella dialettica e quel carisma che nessuno credeva potesse avere un villain come Bane.

Bruce, con la schiena spezzata, viene portato nella prigione dove è cresciuto Bane. Una prigione di disperazione, perchè si può guardare alla speranza. Ma è sempre difficile raggiungerla, ancora più difficile credere in essa, se non si crede in se stessi. Eppure senza speranza non si raggiunge la vera disperazione. Per questo Bane instillerà la speranza nei cittadini di Gotham, avvelenandoli nell'anima, lasciando che si mettano i piedi in testa l'un l'altro, finchè arriverà la disperazione della fine, con la bomba.
Ci poniamo l'interrogativo: e il tutore, è sparito? A ben vedere, Bruce ha i pantaloni in prigione. Quindi non si vede se ce l'ha o no. Viene da chiedersi allora: perchè Bane non avrebbe dovuto toglierlo? E io risponderei: perchè Nolan avrebbe dovuto trascurare questo dettaglio in modo tanto ingenuo? Potrebbe essere una svista, certo. Potrebbe anche essere che Bane gliel'abbia lasciato di proposito per instillargli quella speranza, considerato che vuole che rimanga in vita. Boh, chissà.

Il fatto dei 3000 poliziotti che vengono mandati nelle fogne, appare effettivamente un pretesto per lasciare Bane libero di fare ciò che vuole. Può convincere poco, ed è comprensibile. Però, sembra un parallelo di ciò che succede a Bruce, nella prigione. Con una differenza: Bruce si solleva da solo, loro no. Come da titolo, il Rises è il vero concetto del film. Sollevarsi dopo che si è caduti, per arrivare ad essere migliori. Per imparare dai propri errori. E la scalata di Bruce verso l'uscita della prigione è proprio un'allegoria a questo concetto: sollevati. Per molti è sembrato stupido il fatto che una bambina ci possa riuscire così facilmente. Io dico, l'elemento surreale ci vuole. E' un simbolo: un'allegoria di come la paura della morte ti spinga con più forza verso la speranza, cosa non possibile se si è apatici.

La scena in cui viene devastato il campo di football è devastante, mi è piaciuta un sacco. Sa proprio di catastrofe. Non è niente di che, però, boh, mi è piaciuta davvero.

Ed eccoci finalmente alla fuga di Bruce dalla prigione di Bane. Da un lato può apparire banale la solita predica del saggio di turno che apre gli occhi del protagonista, come fa il prigioniero cieco che curò in malomodo le ferite di Bane. Però, una spinta Bruce la doveva pur avere da qualcuno. E così è la paura di morire a spingere il corpo e la mente verso la salvezza, a sollevarsi, verso la speranza. Bruce esce dal pozzo.

Così come la cattura di Gordon e soci, e la loro condanna alla morte per esilio, può sembrare un pretesto per il ritorno in grande stile di Batman. Cosa che avviene, in modo, bisogna ammetterlo, molto pacchiano a causa del pipistrello di fuoco sul ponte. Mi chiedo: Batman si deve muovere a disinnescare la bomba e perde tempo a gettare alcol o quello che è per far uscire un pipistrellone? Ma vabbè, deve pur far capire alla gente di Gotham che è tornato. Vogliamo parlare delle mazzate che dà a quei tizi che stanno per freddare Blake? Quella parte, come anche le altre riguardanti le scazzottate, è fantastica. Pensate ad un altro film in cui delle persone fanno a botte. Molte sono rese inverosimili con il gioco del campo-controcampo della telecamera. Qui si vede, si palpa, lo sforzo fisico di Batman mentre pesta di botte, la telecamera è ferma e sembra di sentirle sulla tua pelle, ti viene da stringere i denti mentre lo fa.

Batman crede in Catwoman, mentre lei dice che non tornerà, una volta fatto esplodere il tunnel con i razzi del Batpod. Ma si capisce ed è ovvio che tornerà. 

La scena dell'assalto della polizia ai mercenari è stata molto dibattuta. Perchè non sparavano anzichè correre come imbecilli?, è stato detto. Beh, io ho notato che tra i poliziotti qualcuno che sparava in corsa c'era. Però, credo che la scena sia stata concepita per essere qualcosa di epico, un pò à la 300. Considerando che è un film fisico può anche starci, sebbene razionalmente vien meglio di sparare con armi sicure, piuttosto che buttarsi nella mischia senza una spada almeno. Ma vabbè, va bene così. Anche perchè a distanza ravvicinata vien molto meglio tirar cazzotti che sparare. E non ditemi che un ghigno di soddisfazione e un brivido di emozione non vi è venuto quando compare Batman sul Batwing a neutralizzare i cannoni dei tumbler e quando scoppia l'urlo di acclamazione dei poliziotti!

Okay, è abbastanza stupida la scena in cui Gordon perde il marchingegno per neutralizzare il comando a distanza, sorvoliamo. Fantastica e fisicamente sentita la lotta tra Batman e Bane. Ancora una volta il gioco di telecamere riesce.

Siamo alla scena finale. Guardo un attimo ai puristi dei fumetti, quelli che non capiscono che il cinema è anche interpretazione, e che sui remake cinematografici dei fumetti, vuoi o non vuoi, c'è sempre l'interpretazione del regista: parlo degli estremisti di questo purismo fumettistico, non di quelli che storcono il naso ma comunque accettano come stanno svolgendosi i fatti. Tra questi "estremisti" che avranno storto il naso quando hanno sentito che Bane è il figlio di Ra's Al Ghul, molti si saranno ricreduti con il colpo di scena di Talia Al Ghul. Devo dire che, anche se non mi piace Marion Cotillard, ha i lineamenti orientali giusti per interpretarla. E anche io sono tra quelli che ci è rimasto un pò male per l'eliminazione un pò banale di Bane. Forse era necessario affinchè l'attenzione si spostasse su Talia, però l'amaro in bocca rimane, vero. Per quanto riguarda chi ha mosso critiche al fatto che Batman avrebbe potuto usare i cannoni del Batwing per eliminare i Tumbler che scortano il camion con la bomba (o anche in precedenza con il Batpod), volevo ricordare che la regola di Batman è: niente morti. Quindi c'è un motivo ben preciso!

Ed arriviamo al finale del finale. Ormai siamo arrivati ad un climax incredibile. La tensione è palpabile e il culmine è quando Batman decide di attaccare la bomba al Batwing (tralasciando la perditempo scena del bacio: ricordo a chi l'ha criticata che sotto la maschera c'è un uomo soggetto ad impulsi umani), con un Gordon e una Catwoman increduli. Dove può arrivare quest'uomo? Cosa è disposto a fare per Gotham? E' pronto a sacrificarsi pur di lasciare impresso nei cittadini il significato di chi è, per questo ripete che non c'è il pilota automatico. Perchè solo con la sua morte può lasciare un segno indelebile. Bruce, intimamente, ha recepito il messaggio di Alfred di ricostruirsi una vita: ed è anche per questo che si sacrifica, per ricominciare daccapo. E' pur sempre un essere umano. E, proprio per la sua umanità, durante il film è il personaggio di Bruce Wayne, non Batman, che entra inconsciamente nei nostri cuori. L'empatia che proviamo per il personaggio è tale, che in sala si sussurrano "no", "non lo fa", anche se si sa che lo fa. Viene quasi da preferire che sotto il costume non ci sia Bruce. Eppure è lui. E quando si alza in volo e se ne va con la bomba al seguito, complice Hans Zimmer, le emozioni esplodono, e in sala molte delle persone piangono e singhiozzano, compresa Miss Hyde, che sebbene l'avesse già visto e sapesse che finiva così, al mio fianco singhiozza e lacrimava. E' inevitabile. Scopriamo che il film è anche incentrato su quest'emozione. Sul sentimento umano che proviamo verso Bruce. E' qui che Gordon vacilla riguardo le sue convinzioni sull'identità di Batman. Prima per lui era semplicemente Batman, ma ora che vede il Cavaliere Oscuro in procinto di sacrificarsi gli chiede: "La gente non dovrebbe conoscere l'eroe che li ha salvati?". E qui sta il nozione fondamentale di Nolan su chi è Batman.
Con le parole del pipistrello: "L'eroe può essere chiunque. Anche un uomo che ha fatto una cosa semplice, come mettere il cappotto sulle spalle di un bambino (e qui l'intenzione di dire a Gordon chi in realtà fosse), per dimostragli che il mondo va avanti.".
Batman può essere chiunque. Chiunque può far sì che la vita continui, che si possa ricominciare daccapo, come vuol fare Selina-Catwoman, la speranza non porta solo alla disperazione, come crede Bane. Ma può portare a sollevarsi. Anzi, risollevarsi. Rialzarsi. Questo è Batman, non un uomo mascherato che si alza sopra la legge. Ma un concetto.
E poi mentre rimuginiamo su queste parole, su questo significato, la bomba esplode, insieme alle nostre emozioni. Che divampano fuori durante il discorso di Gordon sulla tomba di Bruce e durante le lacrime e la sofferenza di Alfred. Ma, subito dopo, ecco che scopriamo che il pilota automatico è stato inserito nel Batwing. Lì capiamo. E siamo sconvolti. Nel senso che i nostri sentimenti sono sconvolti, in contrasto. Disperati per la morte di Bruce, ora vogliamo sorridere di gioia, con il sapore delle lacrime (per chi ha pianto) ancora in bocca. E poi, lo vediamo lì, seduto al tavolino in quel bar dove Alfred passa le sue vacanze. E sorridiamo davvero. Ne approfitto per dire una cosa. Ho trovato patetico, e dico patetico, sentire fin dove sono arrivate le critiche: perchè Firenze? Perchè il Fernet Branca? Ma per favore. Firenze è un posto come un altro, poteva essere Il Cairo, Oslo o Tokyo. Veramente ci si vuole appigliare anche a questo pur di criticare? Bene, è patetico allora tale atteggiamento. Chiusa parentesi.

Riguardo gli ultimi secondi del film. Scopriamo che Blake ha il nome legale di Robin. E il bat-segnale viene ricostruito. Ora, che cosa può significare? Che Nolan abbia in mente di riprendere la storia? Non saprei proprio. La questione del bat-segnale fa pensare ad un ritorno ulteriore di Batman, ad un nuovo film o potrebbe essere un memento per Gordon, costruito da Batman stesso. E Robin? Potrebbe essere l'incipit di uno spin-off su Robin? O semplicemente è un finale aperto, come quelli che piacciono tanto a Nolan? O magari, un film con Batman e Robin insieme? Non si sa. Io spero che Nolan scarti quest'ultima ipotesi, non vorrei che uscisse un pasticcio. Staremo a vedere. 

Intanto non si può non dire che il film sia stato meraviglioso. Con i suoi difetti è stupendo. Alla fine quando si ama qualcosa, o anche qualcuno, la sia ama con i suoi difetti. E personalmente mi sta bene così. Molti diranno Il Cavaliere Oscuro è superiore. Certo, lo ammetto anche io, è un film perfetto e rimane il mio preferito. Ma non si può sputare su questo ultimo film. E' un film degno di una chiusa per una leggenda. Una leggenda che finisce in modo epico, emozionante e soddisfacente. L'unico rammarico è che abbiamo visto poco l'azione che caratterizza Batman: il suo modo di svolazzare, usare il mantello per planare dall'alto, il suo modo di investigare (è pur sempre un gran detective), il suo muoversi nel buio. Si sono persi questi tratti caratteristici, diciamo, ecco. Però, è un film che ha puntato molto sul reale, sulla persona, sull'emotività della persona e cosa essa possa simboleggiare
Proprio per questa serie di significati, di concetti, la trilogia di Nolan è ben lontana dalle classiche trasposizioni dei fumetti. In cui c'è semplice diegesi lineare, che prevede la sconfitta del cattivo. Forse, non a caso, molte voci l'hanno definita "la miglior trasposizione supereroistica di sempre.".


 Dr. Jekyll


9 commenti:

CervelloBacato ha detto...

Ottima seconda recensione :) Sono d'accordo con te sulle critiche spesso inutili fatte da molti. Ecco, leggendo m'hai fatto venire in mente un'altra cosa che ho odiato: il nuovo doppiatore di Fox. NUoooooooo!!!

P.s Se riesci potresti togliere il codice chachachà per mettere i commenti? :)

Miss Hyde ha detto...

(perchè, ci sono? :O li leviamo IMMIDIATIMENTI ù.ù)

Dr. Jekyll ha detto...

Era d'obbligo fare una seconda recensione, ormai il film è uscito da oltre una settimana e prima non volevo parlarne molto apposta. Grazie comunque :D

Tolto il chachachà XD

Sailor Fede ha detto...

Il doppiatore di Morgan Freeman è stato cambiato perché quello storico, Renato Mori, aveva problemi di salute.

Sostanzialmente sono d'accordo con la tua recensione -giusto in qualche punto la penso diversamente, per esempio il salto della bambina continua a sembrarmi una forzatura-, e anch'io non capisco gli "estremisti" che spendono soldi per criticare negativamente a priori un film: qualsiasi scelta di Nolan per loro sarebbe stata sbagliata!

Domenico "Helldoom" Attianese ha detto...

Alcuni dettagli erano effettivamente problematici, come la morte del polizziotto "redento" che non si nota, oppure l'assurdità del mandare 3000 poliziotti nelle fogne...ma alla fine non ho citato nulla nella mia recensione, anche se questa la trovo fatta benissimo ;), perché penso che nolan si sia voluto concentrare sulla storia,sui significati, e piccoli dettagli possono essere perdonati.

Ps: Morgan Freeman mi piaceva più con la voce precedente xD

Dr. Jekyll ha detto...

Effettivametne sono i fanatici della critica che si divertono solo nel gettare fango su checchessia. In ogni caso, sul fatto della bambina vabbè, qualcosa di super forse ce l'ha lei più che Batman effettivamente in questo film XD

Dr. Jekyll ha detto...

COncordo su Freeman! Grazie per il complimento intanto. Sì il fatto dei 300 poliziotti è un pò stupidino ma vabbè, come avrebbe fatto Bane a sbarazzarsene per fare i suoi porci comodi? XD sorvoliamo, il resto del film ripaga! E poi Nolan è Nolan!

Miss Hyde ha detto...

Io direi che: per certa gente qualsiasi scelta di qualsiasi regista che stia lavorando su un film atteso è sbagliata...! E' un pò la "sindrome dell'allenatore" xD
Per la bambina... beh... è qualcosa di non realistico al 100%, ma è sicuramente funzionale a ciò che in quel caso il film voleva trasmettere... e quindi... secondo me... va bene così!

Dr. Jekyll ha detto...

Volevo dire 3000, ma l'allusione a 300 ci sta in questo caso XD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...