8 maggio 2013

Strane mode...

Ebbene, come vi dicevo, siamo ritornati per qualche giorno in Puglia. Ora, il primo giorno ci siamo fermati qualche oretta a Bari, a mangiare un bel kebab, di quelli buoni, che a Roma non se ne trovano. Praticamente lo mangiamo solo quando ci troviamo da quelle parti, ormai.
Insomma, Bari è un po' così, strane persone che si omologano l'una all'altra, la moda del fighetto-bulletto predomina. C'è anche chi vuole cercare di distinguersi, rimanendo solo un fighetto, ma con il carattere rozzo tipico di là non ci riesce comunque. Diciamo che la maggior parte della nuova generazione, tra i 15 e i 25 anni è così. In più sono altamente sprezzanti verso coloro che tentano di distinguersi e distaccarsi dalla loro forzata adesione alle mode correnti, con tanto di pratiche intimidatorie e di bullismo pesante.
Ma parliamo dell'ultima di queste mode. Alla gyrosteria, mentre mangiavamo immersi nella nostra stessa bava viscida, tanto era buono il kebab, ecco che entra un gruppo di questi elementi. Tre ragazzi e una ragazza, o qualcosa del genere. Quest'ultima era qualcosa come una palla con le gambe. Vabbè fin qua, niente da dire, se sei obesa non sto a prenderti in giro... a meno che non sei tu a renderlo inevitabile! E sì, perché 'sta tizia era vestita in modo indicibile: maglietta tutta scollata e sciatta, ma soprattutto leggins neri semi trasparenti a vita bassa usati a mo' di pantaloni, con tanto di elastici delle mutande che premevano sulle sue chiappe bovine, raddoppiandone il numero. Ma insomma! Ha preso la sua dignità e l'ha messa nel tagliacarte.
Ma non è tanto di questa che vi volevo parlare. Quanto della moda che corre tra i ragazzi, credo un po' in tutta Italia, ma che a Bari diventa obbligo, come vi dicevo, per tutti. Sto parlando del modo di acconciarsi i capelli. Ora si rasano i lati e si lascia la parte superiore lunga. Voi direte "ma era da tanto che stava in giro 'sto taglio!". Vero. Il punto è che c'era uno di questi tizi, con i capelli neri a caschetto, che scendevano dalla riga al centro e ad un certo punto ZAC!, una rasatura completa ai lati della testa. Un fungo peloso praticamente! Non so voi, ma io mi vergognerei acconciato così. In ogni modo, entriamo nello specifico, nell'ultima frontiera della moda giovanile odierna. A parte questo tizio, gli altri avevano una pettinatura pressoché uguale. Ora ci si rasa solo un lato della testa, e il resto dei capelli si lascia lungo, leccati da una mucca e riportati dall'altro lato. Io non ho nemmeno parole. Mettici anche gli occhialoni in celluloide nera, che non so perché vadano così tanto ora, e stiamo apposto.

Se lo scopo del seguire le tendenze è rendersi ridicoli, mi sta bene. Scelta loro. Mi chiedo soltanto dove sia finita la sobrietà, la naturalezza, la dignità e il rispetto per se stessi. Sì, lo so che sembra che sono sempre critico, ma, abbiate pazienza, io non comprendo proprio il perché di doversi scopiazzare l'uno con l'altro, tanto più quando si tratta di un qualcosa che ti rende patetico e ridicolo. Va bene, ognuno è libero di fare quello che vuole, per fortuna! Ma siamo davvero sicuri che sia davvero così? Con l'immediatezza e la globalità telematica, con i social network, con i gruppi di discriminazione degli "alternativi" (i quali, questi ultimi, ora non esistono nemmeno più), siamo davvero sicuri che ognuno sia libero di essere chi vuole? Io credo che la pressione sociale non lo consenta, in realtà. Si tratta di una forma molto sottile di potere, abbindolamento e omologazione che non lascia spazio all'espressività individuale. Bisogna seguire un certo modello, o sei fuori, strano. Il problema è che i modelli di oggi sono tutt'altro che sobri, genuini ed educativi, a mio avviso. Quanti sono ancora i baluardi di dignità umana che resistono ancora in questo mondo iper-consumistico?
Ma voi, che ne pensate? Di questo nuovo strano look? Del controllo internettiano e mediatico? Di tutte queste correnti che imperversano tra i giovani?

Dr. Jekyll

P.S.: purtroppo l'immagine è approssimativa, non ha così tanto i capelli leccati,  non ho trovato di meglio (o di peggio).

18 commenti:

Cervello Bacato ha detto...

Guarda, ci pensavo giusto qualche giorno fa. Ero lì che guardavo un po' di foto su faccialibro della gente e notavo come su 10 ragazzi almeno 7 avessero lo stesso look di capelli.... Bah, quanta originalità... Alcuni staranno anche bene, per carità, però che diamine. Tutti uguali identici.. Che razza di mondo di capre... Le ragazze ora pure loro si rasano la testa solo da un lato.. La sagra dell'originalità proprio..

Pier(ef)fect ha detto...

Doc anche dalle mie parti, purtroppo, i ragazzotti sono di un massificato allucinante. Ti dirò, riguardo al taglio di capelli a cui ti riferisci, io lo avevo, meno rasato nei lati perchè ho le orecchie a sventola XD, già nel 2009, con tanto di ciuffo variabile. Poi è arrivata la moda e ho preferito evitare ciuffi e cose strane. Io spero che la massificazione sia solo estetica, ma la vedo dura :/

Dr. Jekyll ha detto...

Forse la massificazione estetica è solo l'ultimo dei problemi secondo me, perché prima di tutto agisce a livello psichico. Non so se ho reso l'idea, ma da quello che mi hai descritto non è come quello che intendevo io XD

Pier(ef)fect ha detto...

sì, ho capito come dici tu, ma quelli sono obbrobri XD Mi riferivo più al taglio nella foto, che vedo frequentissimamente. Ti dirò per me la massificazione estetica non è da sottovalutare, cioè è quasi corrispondente ad una massificazione psichica, perchè se ci pensi il modo in cui ci abbigliamo è un po' a nostro istinto e creatività, elementi secondo me importanti in una personalità

Marco Grande Arbitro Giorgio ha detto...

Purtroppo è da un anno a questa parte che anche da le mie parti vedi il 90% dei ragazzi fatti in quel modo: tutto uguali, stesso taglio, stessi vestiti e stessi occhiali.
Mi viene un ribrezzo...
Se penso a tutte le volte che la gente mi ha preso per il culo perchè portavo i capelli lunghi...
Che rabbia!
Ma uno deve omologarsi per forza alla massa?

Dr. Jekyll ha detto...

E se invece un tizio lo facesse per non sentirsi isolato dal resto della banda? Magari detesta doversi conciare in un certo modo, eppure se non lo fa viene emarginato. Secondo me, la maggior parte dei casi rientra in questo aspetto e il legame psichico-fisico c'entra poco e niente. La paura di essere escluso inibisce la nostra potenza caratteriale e creativa o la relega in un angolo dove non deve apparire per quella che è. In questo consiste la superficialità tra i giovani di oggi, a mio avviso :)

Dr. Jekyll ha detto...

Dài, anche io portavo i capelli lunghi, perciò ti capisco!XD come ho scritto nel commento a Pier, in questo consiste la superficialità giovanile e di tutto il mondo alla fin fine.

Il Moro ha detto...

Dalle mie parti non si sono ancora visti... va ancora il berretto da baseball troppo stretto appoggiato in cima alla testa, abbinato a pantaloni stretti abbastanza da far vedere atutti che hai le gambe storte (o coperte da rotoli di grasso) e infilati nelle scarpe. Un orrore, ma secondo me non è giusto giudicare più di tanto: quando ero giovane io, fine anni '80 e primi anni '90, c'erano mode altrettanto orripilanti. Non saremo noi che, invecchiati, parliamo dei giovani e delle loro mode come nostri genitori parlavano delle nostre? :-)
Certo, mi sembra che adesso lo spirito di omologazione sia ancora superiore, ma non sono sicuro che non sia solo un'impressione.

Dr. Jekyll ha detto...

Beh, non tutti quando erano più giovani seguivano le mode. Anche io da adolescente amavo conciarmi in un certo modo, ma comunque nei limiti della decenza. Poi a quei tempi non c'erano 'ste capigliature orrende, ma i capelloni! E sono tutta un'altra storia rispetto a questi tagli volgari.

Moreno Pavanello ha detto...

Beh, questa foto qua è una parrucca, ma erano così... :-D
http://www.carnivalsuperstore.it/3037-6101/parrucca-star-anni-80.jpg
E i pantaloni? Mamma mia...
http://cdn.blogosfere.it/styleandfashion/images/REDS_Marine pant_gaberdine.jpg
Anche i leggins da te citati sono stati recuperati a forza dagli anni '80.
Nemmeno io ho mai seguito le mode, (pensa che i capelli lunghi li porto ancora adesso!) ma allo stesso tempo non mi sembra che "tutti" i giovani seguano quelle odierne, almeno dalle mie parti. Certo che quando vedi quei gruppetti dove magari ce ne sono una decina tutti insieme e vestiti tutti uguali fa impressione. E' come se fosse una divisa. Fa temere che i giovani d'oggi non abbiano la testa nemmeno per decidere come vestirsi, e debbano farselo dire dagli altri. Comunque, forse nel tempo è peggiorato, ma penso che più o meno questa tendenza ci sia sempre stata.
Il Moro

Dr. Jekyll ha detto...

Indubbiamente è peggiorato, così come anche non tutti si lasciano plasmare dalla massa. In ogni caso uno può anche seguire le mode, il problema è che si lascia trasportare dalle mentalità correnti annullando il proprio io, o sopprimendolo.

Dr. Jekyll ha detto...

Perché questo commento me l'ha visualizzato solo ora?O.O
Comunque sulle ragazze non si può proprio vedere, è antiestetico e antifemminile. Per i miei canoni penso proprio che preferirei la donna con i capelli cortissimi (che sono quelle che meno, ma proprio meno, mi attraggono) a queste mezze rasate!:O

DoppioGeffer ha detto...

Diciamo che seguire la moda è un conto (soprattutto se si ha la consapevolezza che certe cose ci possono valorizzare e altre no) ma omologarsi è tutt'altro! Quando esco la sera e vedo ragazzine (ma anche coetanee) vestite in egual modo,con lo stesso taglio di capelli,le stesse scarpe,lo stesso trucco,gli stessi accessori e quasi lo stesso fisico (cioè tutte dei manici di scopa) mi chiedo chi sia il cane alfa del gruppo! Poi,se ci mettiamo pure l'atteggiamento uguale per tutte sembra di assistere ad una rappresentazione di marionette gestite da un unico burattinaio!
A questo punto credo che sia un problema di autostima,perchè se stai bene con te stesso non dovresti avere bisogno di "certezze" tramite la massificazione o la presunta somiglianza a quello o quell'altro vip...perchè di 'sto passo,se un vip decide di amputarsi un braccio per esser più figo,è possibile che ci sia qualcuno che lo emuli!
Poi,ovviamente,è solo un mio punto di vista :)

P.s. ti ringrazio per esser diventato/a uno/a dei miei "seguaci" su blogger :) Corro a leggere altri tuoi post ;D

Dr. Jekyll ha detto...

Grazie a te, e benvenuto!:D Hai ragione, e condivido tutto ciò che dici. Purtroppo l'autostima conta molto, ma viene sempre più annichilita dalla massificazione la cui regola è "o così, o sei fuori"... Nei ragazzini, ma non solo, in età di sviluppo questo incide parecchio... Ahimè, che mondo che si è creato!

DoppioGeffer ha detto...

il fatto è che ci son troppi fattori esterni e non che aiutano questo concetto di "tutti uguali,tutti normali"; dalla televisione e i suoi relativi "dipendenti" alla stessa scuola,passando pure dai genitori che iniziano fin da subito ad inculcare certi stereotipi e certi "modi di fare" che,inevitabilmente,fan credere al bambino che "se sei così è giusto,se sei diverso è sbagliato". In più casi simili son presenti anche nelle palestre e simili,dove,per esempio, "se non sei magra non puoi fare la ballerina" o "se non ti compri questo tipo di tuta non puoi allenarti come si deve perchè solo questa aiuta i movimenti" e via discorrendo (almeno,in zona ho visto e sentito discorsi simili).
Si dovrebbe rispettare il libero pensiero anche in queste piccole cose...e poi,forse,si può davvero dire che si è aperti a tutto.

p.s. io sono una ragazza :) Tu se non erro sei un ragazzo mentre Hide è una ragazza,giusto? :D

Dr. Jekyll ha detto...

Scusami per lo scambio di sesso, chiedo umilmente perdono. Sì, io sono un uomo, mentre Miss Hyde è la mia compagna :)
Gli ambienti in cui si formano i ragazzi sono determinanti, è vero. Io temo il giorno in cui avrò un figlio e dovrò educarlo combattendo contro queste aberrazioni sociali. :(

DoppioGeffer ha detto...

eheheh tranquillo :) Carina l'idea dei nickname che rappresentano due persone diverse ma che infondo son la stessa :D
Comunque ti capisco benissimo! Già vedo l'enorme divario tra la mia infanzia e quelle delle mie cuginette,soprattutto in ambito educativo e "tecnologico"....non voglio sapere come sarà quando diverrò madre :S

Dr. Jekyll ha detto...

Diciamo che c'è tempo allora, va' XD se no invecchiamo anzitempo XD

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...