27 dicembre 2012

Un natale senza sorprese

E così un altro natale è passato. Devo dire che sono stato molto bene. L'ho passato in famiglia, a chiacchierare piacevolmente con i miei parenti e le mie due cugine nerd, che non vedevo da tanto tempo. E finalmente il 26 ho potuto passare una giornata anche con la mia pupetta. Beh sapete, in occasione delle feste siamo andati via da Roma per stare con le famiglie, ma purtroppo queste abitano a 150 km l'una dall'altra, perciò non è così semplice vederci di queste festività.

In ogni caso mi sono divertito. Tra abbuffate varie, chiacchiere e scarta-regali, sono stato davvero bene. Ma devo dire però che lo spirito natalizio ormai va svanendo. Non che io sia un credente, più che altro mi riferivo al fatto che di solito a natale ci riunivamo tutti e si giocava, si rideva, si stava insieme senza pensieri. Purtroppo non è più così. Dopo la perdita di tre pilastri, quali erano i miei nonni, avvenuta recentemente, le cose sono un po' cambiate. Metti in più anche dei problemi di famiglia, ormai l'aria che tira è diversa. Insomma ci si deve adattare, pazienza. Però, ecco, forse quello che mi è mancato è il gioco, quel momento in cui cerchi di digerire, mentre fai tanti giochi stupidi e dove si vincono un po' di soldi eheheh, e in cui si approfitta per parlare, scherzare, prendere in giro e via. Quello mi è mancato.


C'è un'altra cosa che mi è mancata. Di solito, a natale, tra i regali che ricevevo, ce n'era sempre qualcuno che mi sorprendeva. Non dico da togliermi il fiato, ma che mi faceva rimanere interdetto e contento come il bambino che non ero (perché sono nato grande in realtà). Questo è il primo natale in cui, tra i regali che ho scartato, non ho trovato niente che abbia potuto sorprendermi come in passato. Ho ricevuto bei regali, per carità. Sono stato molto contento. Però è mancato quell'effetto sorpresa che credo piaccia un po' a tutti. Mi è dispiaciuto alquanto, ve lo confido. Non che sia così materialista da pensare che i regali sono tutto, per favore!, però è una strana sensazione quella che ho provato, ecco.

Vabbé, pazienza. Mi sono consolato guardando la reazione di mio padre mentre realizzava, non trovando più parole (e mio padre che non trova le parole significa che sta per arrivare il 21 dicembre!), che gli avevamo regalato un tablet. Almeno sono stato contento di vedere delle altre persone felici e stare insieme con serenità. Questo sì, mi è piaciuto e mi ha fatto felice.

Dr. Jekyll

6 commenti:

Aislinn ha detto...

L'importante è quello! Sopravvivere alle feste senza strangolare parenti è già ottimo ^^

Dr. Jekyll ha detto...

Ti dirò, io mi trovo ottimamente con i miei parenti, dico quelli che mi sono rimasti. Non ho di quei problemi XD

kermitilrospo ha detto...

anch'io non ho mai avuto problemi coi parenti ma il resto del mondo a quanto pare non la pensa come noi :D

Dr. Jekyll ha detto...

Eh già, posso dire anche la stessa cosa della suocera. Mi ci trovo benissimo!

Giorgia Percosasiamonati ha detto...

le sorprese a Natale ci sono sempre... hai visto la culla del presepe? Si é rimpita di nuovo di Gesù Bambino :)

Dr. Jekyll ha detto...

Mi spiace, ma non facciamo presepi... Non siamo credenti :)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...